Demi, Brut. E Asthon (SiaLodatoIlCielo) Kusher.

Demi, Brut. E Asthon (SiaLodatoIlCielo) Kusher.

La Demi di quest’avventura ha da poco -e brillantemente- superato la trentina .
Il suo Asthon-precario-Kusher ha qualche anno di meno. ok. forse giusto un po’ più di “qualche”.
Lei ha una figlia, un corpo da far impallidire kate moss e un sorriso stampato in esacromia su un viso d’angelo.
Lui ha un telaio da formula uno e una mamma apprensiva.
I due , come alle volte accade su questi schermi, abitano lontano.


Si conoscono da quando Demi stava ancora con Brut (la controfigura sfigata di Bruce-dio-esiste-Willis, nonché lo svaporato padre della Winx di cui sopra) , Asthon era amico di Brut e Demi abitava ancora ad Edificabilandia, terra natia di Ashton.


Quando Demi decide di sbarazzarsi di un po’ di inutile cianfrusaglia (tra cui Brut) e si trasferisce a Melaspasso, Ashton le concede qualche mese di tregua, giusto per farla adattare al nuovo ambiente e poi parte alla carica con un corteggiamento che – se volessimo dichiarare serrato – dovremmo distanziarne gli atomi.


Lei, sensibile al tono (più dell’appetitoso muscolo, che della di lui voce), resiste un po’, giusto il minimo sindacale, e poi cede.
Qualche settimana – e un sacco di durex – più tardi, Asthon si dichiara fanta-innamorato di Demi.
E Demi, anestetizzata da un surplus di endorfine in circolo, giura di ricambiare.


Cassandra-scassa-maroni-Wum non ci crede, alza il sopracciglio e scuote il capino in segno di disappunto: “non è da lei”, pensa, “sarà il cambio di stagione” giustifica, “tanto le passa”, gufa…


Lui la cerca in continuazione, quando la vede la idolatra e quando non la vede, scrive cose come “ti amissimo” e “amore mi manchissimi”.
e quando demi lo racconta a wum, wum vomita


Poi. Un giorno lui le dice che non se la sente più.
Di fare che, scusa??
“Sai abiti lontano”
Già. Da un pezzo però. Non mi risulta che Demi si sia trasferita a tradimento mentre tu giocavi con lara kroft a dilaniare le mummie…
“..si ma poi hai già una figlia …”
Oddio. Davvero? Come ha una figlia? Non se ne era accorta. Tocca che qualcuno glielo dica, no?
“E la differenza di età giuro che non conta ma siamo troooppo diversi”
Ah si? E mentre la tampinavi 26 ore su 24, invece no, eh? Non eravate così diversi, vero?! Nemmeno quando, sbattendo i ciglioni da bambi, le giuravi amore eterno, did you?
“e poi tu lo sai che sono amico di Brut e davvero non me la sento di fargli questo”
No. Certo. Come non capire. Solo ci sfugge (a Wum che scrive e – ne sono certa- anche a voi che leggete) come mai cotanto apprezzabile scrupolo ti tocchi solo oggi, e addirittura TI ATTANAGLI in un improvviso e invalicabile RIMORSO, quando non ti sfiorava nemmeno per l’anticamera di quel mezzo etto di poltiglia grigia che ti ritrovi sotto il ciuffo-fonato, mentre, con l’enfasi di Attila-Flagello-di-Dio e RE-degli-unni la attaccavi a qualsiasi parete strappandole la biancheria…
(ah. E già che ci siamo: Strappate i tanga di intimissimi, tezenis e affinis alle vostre coetanee, ma NON AZZARDATEVI a rovinare i nostri peri della perla, o di princesse tam tam o – già che ci chiamate streghe – prima o poi vi cadrà il pisello!).


Quello che – arrivati al dunque – risponde lei non e’ riportabile.
O qualcuno di voi potrebbe schiacciare il bottone “segnala sito” come contenuto per adulti.
Ma tant’e’….A Demi – per quanto samurai sia- un filino rode.
Sappiamo che passerà, lo sa lei e lo so io che la conosco dai tempi di Robespierre, ma porca paletta, com’è che ci ricaschiamo again and again senza mai imparare dalle nostre previous experiences?


(un’amica direbbe: trombate troppo poco, DarlingSS, ecco perché. Trombaste di più avreste una case history più folta da cui attingere le vostre perle di saggezza!)


Fino a pochi anni or sono, se una gallina-vecchia-fa-buon-brodo si accompagnava ad un polletto di primo pelo, si gridava allo scandalo. Ma oggi, dopo la signorina Moore sono arrivate un sacco di seguaci ed il fenomeno da fuori luogo e ma dai come si fa, e’ diventato glamour.


Wum non coltiva molti preconcetti nel suo orticello (oltre a questo e ad altri due o tre che un giorno vi racconterà…), ma per default dubita dei ragazzini.
Anzi, non e’ che ne dubiti, più che altro li evita. Da sempre. Li evitava anche quando lei era ancora troppo piccola per essere chiamata ragazzina. E a maggior ragione oggi. Che potrebbe essere chiamata ragazzina solo da un compagno di classe di Primo Levi (compagno che – per inciso- è lì da qualche parte che la tiene d’occhio!). Perché per statuto non esce con pifferi più giovani di lei. Visto che un maschio da crescere ed educare già ce l’ha, perche mai dovrebbe cercarne un altro?

” Mi versi da bere o vuoi che muoia di sete?
No. Non posso mandarti un messaggino l”ora.
No. Non ce la faccio a rispondere ai tuoi. Non a tutti almeno.
No che non ti raggiungo a metà strada (guarda piuttosto vengo lì io e la facciamo finita.
SantaPolenta stavo lavorando. Non puoi chiamarmi ogni volta che hai ricreazione.
No. Non vengo al rave di bibbione.
E’ proprio necessario andare in vacanza in treno?
No. Non puoi venire con le stansmitt alla prima della scala.
No. Non voglio provare a fare snow. Io scio. Pirla. Dai tempi di Zeno Colò.
Come non puoi uscire che tua mamma non vuole?
Spegni quella cazzo di PSP o vuoi che ti faccia ingoiare il joystick simulando una fellatio?”
…E via orripilando.
E non venite a raccontarmi che in tema di evoluzioni orizzontali e ardimenti fisici un 20’s sia meglio del suo double anagrafico. (Sappiate che –ad oggi- nella mia top ten c’è uno che mentre a me tagliavano il cordone ombelicale, faceva già il dj resident sulla riviera romagnola!!!)


Se non erro dovrei averne provati uno o due, ai tempi delle prime guerre puniche, ma già allora non mi devono essere sembrati granché.
Non mi piacciono. Naaaaa. Non si può. N.C.S. (=Non Ci Siamo). Definivo e Insindacabile


E quando Wum sente la storia della sua amica Demi, e del suo figo quanto vuoi Asthon, si convince sempre di più della validità delle proprie regoline da ex orsolina.


Ad un kg di crescenza preferisco una scaglia di parmigiano reggiano.
Ad un rosso novello appena imbottigliato, antepongo nella scala del “mi piace”, un signor amarone d’annata, con tutti i suoi tannini e le sue sottigliezze. Già è complicato con uno grande, che sarà anche retorica, ma 9 maschi su 10 restano zucconi e infantili ben oltre la soglia degli anta. Figurarsi sotto gli enta. Non se ne parla proprio.


E poi…Gli uomini sono come le bistecche: devono frollare.
😉


Annunci