licenziamo gli assunti: TAKE IT EASY AND MARRIED (?!)

licenziamo gli assunti: TAKE IT EASY AND MARRIED (?!)

PRIMA PUNTATA DELLA NUOVA SEZIONE “LICENZIAMO GLI ASSUNTI”.

PREMESSA.
Tra i luoghi comuni e frasi fatte sul gentil sesso, ne abbiamo* scelti una decina e abbiamo deciso di analizzarli, sviscerarli e farli a brandelli per guardarci dentro meglio e capire se e cosa ci sia di vero.
*Il plurale maiestatis si riferisce alla redazione immaginaria di Wum, fatta da tutti coloro che ne conoscono la portatrice (e hanno la sfiga di doverla sopportare LIVE) e quanti invece  -baciati dalla sorte- sono via SheNoir, Facebook o Twitter o WomenUsers in contatto con lei.

Assunto numero uno: 
Se esci con una sposata non corri il rischio che si innamori. 
vero o falso?

… FALSO.
 Se quello che cerchi è un rendezvous spot e al primo incontro non ne seguono altri diciamo che non corri rischi.

Ma se ti infili in una relazione clandestina fatta di ripetuti contatti, sveltine diurne e seratine a candele e condom(pianificate con almeno una settimana d’anticipo per permetterle di impostare l’alibi), sappi che il rischio c’è, eccome!

La signora in questione potrebbe (sottolineo il condizionale plausibile) anche perdere la testa.
Partiamo dal presupposto che quando una sposata broccola in giro tanto felice non è, no?
E magari che non aspetta altro per dare il ben servito al proprio cervide domestico.
Mettiamoci un mansueto tram tram familiare in sottofondo, qualche anno di rancori e silenzio, una spruzzatina di insoddisfazione sessuale et… VOILà, il patatrac è servito.

Soprattutto se foste il primo. Foste il terzo, il quarto, o magari il tottessimo, volendo essere lucidi, toccherebbe scomodare un’altra parola (una che fa rima con gioia e scappatoia). 
E, dieci a uno, vi diciamo che la vostra liason durerà un mesetto, due al massimo e poi la vostra nuova mangiatoia smetterà di nutrirvi.

Ma se foste davvero (e non solo “davvero”, ma davvero-davvero-sul-serio-giuro) l’amante numero ZERO, la Signora potrebbe anche arrivare a far due conti (sempre di quelli si tratta, anche quando non sappiamo di aver aperto excel), pesare i pro, valutare i contro e tenuto conto di qualche naturale e temporanea reticenza, perdere poi il controllo fino ad innamorarsi.

Tutto ciò perché se da un lato il traditore seriale con la stessa scioltezza con cui chiude la porta di casa, superato l’uscio, disattiva l’area “pensieri all’amante” (Apri porta. Chiudi finestre. Arresta sistema.)  dall’altro, la neo fedifraga rientrata all’ovile continua a rivivere in differita gli sconquassi ormonali provati al vostro cospetto.

Considerate che incontra voi  dopo enne anni di sbuffosissime serate sky e buona notte al secchio. 
Pensate a quanto silenzio ci possa essere fra le pareti di due che non si amano più da un pezzo. 
Ricordatevi che non è mai successo prima
Che prima di voi era routine e sopportazione e con voi è tutto uno sbrilluccicare di occhi e sorrisi e ormoni impazziti. 
Sappiate che quasi sicuramente il legittimo consorte non la guarda più da quanto il Milan vinceva tutto e che voi –invece- non fate altro che imburrarla di complimenti e spalmarla di serotonina from morning to eve.

Gira per casa con l’occhio languido. E se fino a ieri non sapeva neanche di averlo, da oggi controlla il telefono ogni tre secondi, appoggiandolo sulla mensola mentre lava i piatti, stira i jeans e si lava i denti. 

Quando arriva un vostro segnale, i suoi occhi si illuminano come le alogene di san siro. E  il Piergiorgio, cervide domestico, a meno che non sia un ungolato deneuralizzato di fresco, non può non sgamarla.

PIERCERVIDE: com’è che sei così giuliva in questi giorni, Federifraga?”

FEDERIFRAGA: … cosa? …Giuliva? Perché giuliva?

PIERCERVIDE: Come perché? non prendermi per il culo e dimmi cos’hai.

FEDERIFRAGA: Ma-n-nò, va-là, ma-cooosa-dici… sembra a te perché sei tu musone guarda che io sono sempre la stessa!

PIERCERVIDE: E allora com’è che hai quel sorrisino da oca stampato in faccia? Hai vinto ottantamila punti fragola all’esselunga o ti trombi qualcuno?

… e Teodolinda oggi nicchierà, domani cambierà discorso e dopo domani gli dirà che son tutte pare le sue e che magari è lui che tromba in giro e ha la coda di paglia. Fino al giorno in cui Teodo-linda-con-la-coscienza-sporca, si troverà al bivio.

Sul ciglio del crocevia deciderà se tenere voi e salutare il cervide o -in nome di un sacco di altissime purissime e levissime seghe mentali –  tenersi l’ungolato e dire addio a voi .

(*ho messo “sposatA” e non slash “o” perché se ad esser married è un Xy, cambiano gli addendi e il risultato ha tutt’un altro aspetto)

Annunci