Secondo me ha un’altra.

Secondo me ha un’altra.

Lo vedi strano. Da un po’ è bipolare. Alterna momenti di scazzo cosmico (in cui si aggira per casa come un fantasma, mugugnando e sciabattando), a raptus di energia (durante i quali volteggia come Bolle, mentre ti sorride come la D’Urso e ti obbedisce come un Mini Pony).
Sta sempre su Whatsapp.
Quando è con te, il suo telefono non suona più. E tu lo sgami perché la suocera, per parlare con lui, da qualche giorno chiama te, visto che sei l’unica che risponde.
Se fino a ieri era un Bradipo in coma e il suo concetto di sport finiva al recuperarsi (da solo) le birre dal frigo durante la Champion, è improvvisamente diventato un fanatico dell’addominale a tartaruga. O del running. O della box. Si è perfino messo a dieta.
Se poi è anche andato a fare shopping (qualunque cosa abbia comprato, compresi i calzini), allora, puoi metterti l’anima in pace e iniziare a strapparti i capelli perché ha un’altra. Sicuro.
A questo punto, prima di strapparti i capelli (che fa tanto alopecia e, credimi, non giova al tuo aspetto), hai due macro-alternative.
La prima, molto new-age, è fottertene. La seconda, meno new-age e più vicina al lato oscuro della forza, è fotterlo. Come? Se opti per la versione Darth Vader, non ho niente da aggiungere. Immagino tu abbia le tue buone ragioni e una lista di idee su fogli excel pronte a essere sfornate. E in cuor mio, un po’, devo dirtelo, gongolo.
Ma se invece decidi di strasbattertene e vedere cosa succede, un paio di consigli voglio darteli. Anzi tre, giusto per partire:

  1. molla il silenzio ascetico e i musi lunghi: la pippa non ti dona e lui continuerà a farsi i cazzi suoi, ancora più convinto della differenza fra la vecchia musona (cioè tu) e la nuova super figa da competizione (cioè l’altra);
  2. dimenticati le ripicche da terza elementare (vedi: rovinargli i piani dicendogli che esci e poi non esci);
  3. togliti la divisa da Tom Ponzi e smettila di farti venire le occhiaie pensando a dove sia, con chi sia, cosa stia facendo o chi stia ciulando: se hai deciso di aspettare, aspetta, ma fallo davvero.
Se per qualche motivo hai preso la vecchia strada dell’attendismo, del “magari-passa” e del “supereremo anche questa”, l’unica opzione che hai – se vuoi che funzioni – è fregartene davvero. O meglio, fare almeno finta, ipnotizzando pure te stessa, se serve. 
Annunci