“Domani nella battaglia pensa a me”

“Domani nella battaglia pensa a me”

“Domani nella battaglia pensa a me”
 (dice Anna, la regina, a suo marito Riccardo III)

Oh. Che cosa romantica… c’è suo marito che sta per andare in guerra e lei gli dice questa cosa dolcissima, in modo che lui stia attento e torni sano e salvo…

È davvero bella, ma bella-bella,  da dire ad un uomo, no? Anche al tuo, sì, di uomo, che magari domani non andrà in guerra ma avrà una riunione importante (al tuo, sì, il mio è morto e io non parlo più con i morti da… fammi pensare: direi qualche giorno, almeno sarà così per quando questo post arriverà in rete). Certo, sì, sarebbe bella, finisse qui. Ma – eh eh – non finisce qui, per niente affatto! La frase continua e svela l’arcano (e oltre all’arcano, pure il bastardo).

Al momento in cui Riccardo III di York sente le parole del titolo, la regina  l’aveva già seccata da un pezzo, e lei, tornando nel sonno (come da sussidiario sulle opere di  Scuotilancia) lo esorta a pensarla, l’indomani, nel cuore della battaglia facendogli sapere che lei –da morta- non lo mollerà un secondo, restandogli incollata al fianco come un neo.

“oh, vedi: lui l’ha uccisa e lei che fa? Lo perdona e lo protegge”

Macché perdona, macché protegge: la regina lo assiste per portargli sfiga, non certo per proteggerlo. Enrico III parte male (con una spada senza filo: chissà chi gliel’avrà sostituita) e prosegue peggio: inciampando nel nulla (no, non nel nulla, ma sullo stinco della moglie-fantasma) e poi muore.
Ripensandoci è così bella che me la tengo via, caso mai mi venisse buona in una seduta spiritica che spero di non fare.
“Tomorrow in the battle, think of me, and fall thy edgeless sword: despair and die!”
“Domani nella battaglia pensa a me e cadi sulla tua spada senza filo: disperati e muori!”.

PS. il famoso “Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo!”, appartiene a lui, a Riccardo.

PS2: il mio titolo è rubato ad un bellissimo libro che sta leggendo or ora un amico e che gli ruberò tra dieci secondi. Nove. Otto. Sette…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...