BORRIELLO E LA SENICAR: FISICA, PASSIONE, ENDORFINE IMPAZZITE E ARRIVEDERCI E GRAZIE.

BORRIELLO E LA SENICAR: FISICA, PASSIONE, ENDORFINE IMPAZZITE E ARRIVEDERCI E GRAZIE.

<!– /* Font Definitions */ @font-face {font-family:"Cambria Math"; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:1; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:0 0 0 0 0 0;} @font-face {font-family:Tahoma; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:1627400839 -2147483648 8 0 66047 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; mso-bidi-font-size:12.0pt; font-family:"Times New Roman","serif"; mso-fareast-font-family:"Times New Roman"; mso-ansi-language:EN-US; mso-fareast-language:EN-US;} .MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-size:10.0pt; mso-ansi-font-size:10.0pt; mso-bidi-font-size:10.0pt; mso-ansi-language:EN-US; mso-fareast-language:EN-US;} @page Section1 {size:612.0pt 792.0pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:36.0pt; mso-footer-margin:36.0pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>

Quello spettacolo della natura serba di nome Nina e di cognome dioesisteSenicar  e il bel Marco Borriello,  insieme, a detta di lei in un’intervista su Vanity Fair, facevano letteralmente faville. Anzi, non solo faville, direi addirittura un falò degno dell’intervento della protezione civile. La fanta Nina, plasmata direttamente dagli dei per allietare la vista dei comuni mortali, una volta finita la love-si-fa-per-dire-story, rivela come non riuscisse a fare a meno degli sconvolgimenti ormonali gentilmente procurati dall’aitantissimo bomber della Roma, al punto da sentirsi quasi costretta, dopo ogni tentativo di rottura, a tornare con la coda (e che coda) tra le gambe, sui propri passi verso il di lui fulgido sorriso (certo-certo: “sorriso”).
“È stata una storia terribilmente passionale, una specie di droga dalla quale non riuscivo a staccarmi.”
Ma come mai, eh, tutto ‘sto po-pó di pathos, Nina-adorata?! Chissà cos’avesse il caro Borriello per provocare in te, a cui certo le opportunità di co-marketing non mancano, cotale e cotanto furore bellico?? Che fosse il fascino del ciuffo corvino, o magari l’occhio languido e rapace da seduttore latino, o, ancora,  la …perizia tecnica (come giocatore, ovvio)?
“Ho perso amicizie per colpa di questa relazione.”
(chissà perché, ma ci immaginiamo che le perdite sian state di più sul fronte del cromosoma XX che sul versante Xy, visto che l’invidia è una brutta bestia)
“Gente che mi consigliava di smettere, sa come si fa con i tossici?”
(tralasciando il riferimento alle sostanze psicotrope, qui farei pari e patta, fifty-fifty: nell’eventuale cessazione del rapporto, infatti, il virtuale benefit ai tuoi disinteressatissimi consiglieri sarebbe arrivato sia fossero stati maschi che per i maschietti. 
“E io mi dicevo ogni giorno ‘ora basta’, poi senza di lui entravo in crisi e tornavo a cercarlo. Non vorrei usare la parola innamoramento – dice la Senicar -. Era una follia tutta fisica, fuori dal tempo e dallo spazio ma, escluso il sesso, non avevamo niente in comune.”
…”fuori dal sesso?” 
Ma come,Nina-ninfetta, come: fuori dal sesso?? Nel senso: e non ti basta? ma lo sai ( beh, forse no, forse tu non lo sai) che là fuori, sotto e sopra e vicino alle coperte, c’é un sacco di tristezza e pacchi e ciuffi di calma piatta? Che il 60% della specie umana femmina non ha mai provato un “WOW SII OMMIODDIO SIII ANCORA” come si deve? E che ci sono sciami di fagiani (e qua e là pure qualche sparuto stormo di papere) che pur di avere un briciolo di endorfine in circolo, non trovandole dentro, son costretti a cercarle fuori dal letto (ecco spiegato il perché di certe fusioni, scissioni e acquisizioni societarie altrimenti difficilmente comprensibili). 
Quindi, cara la nostra Nina, sappi che siamo tutti un po’ invidioselli di questa tua storia bollente, e ci spiace tanto (almeno fino a pagina tre) che sia finita. 
Ciò detto, saluti e baci e tante care cose. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...