Tipi di femmine: L’adddolorata eterna, anche in 3D

Tipi di femmine: L’adddolorata eterna, anche in 3D

PREMESSA:
Questo post non è farina del sacco di Wum, ma arriva da un non meglio precisato per quanto affascinòso AlphaC.


L'adddolorata eterna, anche in 3D.
SOTTOTITOLO: TIPI DI FEMMINE
Questo è un essere mitologico ricorrente, ma che dico essere mitologico, un archetipo che neanche Jung saprebbe come trattare. 
Ha una età fra i 20 ed i 35 anni, limite oltre il quale o si salva o finisce in autocombustione, alle volte neanche tanto "auto".
L'addolorata eterna è inconsolabile, il suo dolore è oltre e noi poveri meschini non potremo mai capire, lei non sa di pensarlo, chiusa com'è nella sua torre di vetro nn si accorge neanche dei passanti, eppure il vetro ha la superficie specchiante all'interno.
Voi direte, sei tu a non comprendere la spiccata sensibilità dell'universo femminile, un paio di ciufoli! Risponderei, un motivo,  un barlume, un dettaglio devi pur fornirlo.

Voi però di questo particolare esponente non sapete ancora nulla, anzi ogni volta si reimpara, voi che guardate e passate, purtroppo finirete per curarvi di lei, essì perchè le anime sconsolate hanno il loro fascino, almeno fino a quando non si realizza quanto simili siano le une alle altre, e quanto non necessitino di ascolto bensì di secchiate d'acqua gelida in pieno volto, e perchè no, un solidissimo tram male non farebbe.

Ma prendiamo un caso pratico, ti trovi di fronte ad una figura di tal fatta, una metà di te concupisce, l'altra spacchetta l'armatura de fero e subito il cavaliere senza macchia che alberga in te esclama "oh pofferbacco! Una pulzella in pericolo! Mai non sia ch'io lasci una fanciulla nelle mani di cotanto scorno!"
Essì, quel lato contraddistingue maschiacci di ogni dove, chi per esaltazione della propria figura chi per masochismo, ma non ci inoltriamo in territori troppo vasti.
Tu sei lì, cappello pennuto sotto il braccio, la sua mano nella tua a chiedere se puoi esserle utile nel lenir la ferita dilaniante il cor suo (e se ti senti pure un poco artista le regali un bell'orecchio perfettamente infiocchettato).  

Lei si limiterà a lanciarti un'occhiata umida, voltarsi tergo e con uno scatto felino fuggire a passetti leggeri leggeri, neanche fosse nel pieno di una traggedia. 
Non sono da escludere frasi come "me tapina! Nessuno mi vorrà mai!" e declinazioni sul genere. Ovviamente i vostri due neuroni due ancora sani stenograferanno "e chi stracazzo sono io?".

Purtroppo non c'è nulla da fare, queste donne vi spingeranno a chiedere "ma scusaaspettaunattimo.." o meglio "ma che porcocazzo ti succede?" La risposta sarà variabile a seconda del soggetto in questione, si va da un "La costrizione alla terra sudicia e gretta sozza le vesti della mia candida anima avvolgendole in un tetro abbraccio tessuto di dolore sì dilaniante che'l taglio di lama carezza in confronto (respiro) è", qualcun altra si potrebbe limitare ad un "Sniff-nun-zo-Sniff".

Ecco, molte di queste porteranno ogni dolore a sè, una cosa del tipo "terremoto omicida in giappone" -> "Ahimè il mondo sempre foriero di dolore è", una forma di narcisismo contorta che neanche Escher. 
Come? Ah sì, il verbo lo mettono sempre al fondo, probabilmente la loro concezione della poetica ruota intorno all'inversione dell'ordine complemento-verbo.

Essì che soffrono eh,eccome, mica fingono, è un problema serio a volte, spesso però si tratta di cieco narcisismo, ecchecipuoifar, buttarle sotto la metro? Mah non facciamoci venire idee succulente.
Nei casi più disperati qualsiasi tentativo fallito sarà un successo per il loro masochismo, aprire uno squarcio è un lavoro minuzioso, lavoro che tutto sommato nn siamo tenuti a fare, ma alle volte sì, tutto dipende da chimica, forza personale e precessione degli equinozi.

Le relazioni della addolorata finiscono sempre in tragedia, ha la capacità soprannaturale di attrarre ciò che è peggio per lei, forse perchè è proprio quello che cerca forse perchè non crede nella sfortuna ma la sfortuna crede in lei, chi-lo-sa. 

Rimane lo stato delle cose, non la puoi schiodare, e di certo l'ultima cosa che vuoi fare è salire sulla pira con lei, e se ci sei meglio scendere perchè non serve a nulla, una volta compresa l'antifona finisci per lasciarla fare, al massimo puoi stuzzicarla con un legnetto mentre è accasciata al suolo, giusto per sapere come se la passa, poco altro, è quel genere di conflitto che parte e finisce in sè stessi.

E voi direte, niente addolorato eterno? 
... Non proprio, le consuetudini della sfera maschile sconsigliano uscite troppo melodrammatiche, atteggiamenti eclatanti che possano essere ricondotti al femmineo, l'eterno addolorato quindi si sviluppa diversamente, e quello racconterà di come la madre lo mandava a scuola vestito da sbirulino e gli amici lo scherzavano e da allora ogni volta che vede un naso rosso si ritrova a soffrire di eritemi ed autocombustioni inconsulte (le autocombustioni, cercate o augurate sono una costante).
Uomini di questo dipo sono più rari, forse perchè i costumi riservati ai maschi rendono più difficile il sopravvivere di un atteggiamento simile, forse perchè non lo danno a vedere, ma se dopo un amplesso amoroso vi troverete a consolarlo nella fase di caduta, forse sì avrete fra le mani un soggetto simile.

In ogni caso siano essi omini o donnine, parlate loro del piccolo principe, spiegate con tutta la verve possibile quanto una rosa non possa sopravvivere in una teca, picora o non picora, continuate sostenendo l'idea secondo la quale l'immagine del piccolo e del suo asteroide vi fa rivalutare il film Armageddon.

Se ancora non basta, evitate di salire sulla pira, raramente ne vale la pena. 
A volte però sì, è una questione di precessione degli equinozi e di inquisizione spagnola.
Annunci

Un pensiero su “Tipi di femmine: L’adddolorata eterna, anche in 3D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...