L’UOMO BOOMERANG

L’UOMO BOOMERANG

… Ci sono uomini che non puoi avere. Quelli della categoria “impossible”. 
Quelli che (anche magari) visto che sono impossible ti piacciono come non ti è mai piaciuto nessuno dai tempi delle elementari e del principe Antony di Candy Candy. Sono quelli che incidentalmente dormono nel letto di un’altra o che abitano lontano. 
Così lontano che per vederli ti tocca andare su expedia. 
Così lontano che al solo pensiero il coro dei neuroni intonava il requiem in OI  maggiore (mogli e buoi…). 
Sono quelli che hai solo guardato, annusato e sfiorato veloce prima che sparissero per sempre dalla tua agenda.

E poi ci sono quelli quelli “effetto boomerang”, che ci metti una vita per accettare e metabolizzare e metterteli via e appena ti distrai un attimo traaac, ti beccano in fronte e ti rischiantano a terra. 

E tra i due prototipi di ex, i peggiori sono i boomerang.

Sono stati  con te. Ma per poco. Abbastanza a lungo per farti affondare le dita nel vasetto del bello e del wow e non a sufficienza per trovarci le mosche, o la muffa o farti venire voglia di cambiare gusto, aroma e supermercato.
Oppure ci sono stati part time, attivando un processo di share del proprio tempo fra te e l’altra, quella con la faccia (e le appendici) dell’ufficiale.

Sono stati con te. E poi han smesso. O hai smesso tu, fa lo stesso.
 E poi sono tornati. Periodici come la marea, come le tasse e le cartelle dell’esatri, Loro ritornano. E di solito lo fanno quando tu hai altro da fare. Quando non te lo aspetti più. Quando magari solo due giorni prima stavi dicendo alla Gigia che finalmente ti era passata. Che l’avevi metabolizzata. E che magari anche grazie agli occhi da lupo di quell’architetto gigione, sentivi di essere riuscita a mettertela via.
Loro ritornano. E ritornano perché hanno bisogno della tua voce, perché quando ti rivedono “è sempre un’emozione” e “come te nessuna mai”.

L’uomo boomerang è un K della tua vita. Moltiplicando il numero e il peso degli addendi, dividendolo per le volte in cui ti ha fatto star male e sommandole a quelle in cui con la sola forza del pensiero (visto che è spesso meno loquace di un baccalà alla vicentina), ti trasmetteva tutto il ammore per te, elevando il tutto per il pathos che provavi tu e non provava lui …  il risultato non cambia.

Resta una costante. Puoi esserti presentata a casa loro per mettere in chiaro le cose, assestarequei due o tremila ceffoni metaforici che ti germogliavano in gola da mesi, puoi essere arrivata a cancellare il  numero dalla rubrica dell’iphone, e il profilo da facebook (tanto c’è la gigia che se glielo chiedo va a vedere per me), puoi anche credere di essere andata oltre. Ma continuano a tornare. E a fare effetto.
Fino a che non arriva un boomerang più grosso. O più cattivo. 
Annunci

8 pensieri su “L’UOMO BOOMERANG

  1. Interessante questo fenomeno. Non mi pare di averlo mai sperimentato. Voglio dire, magari qualcuno è anche tornato alla carica, ma nessuno è stato accolto a braccia aperte e fronte protesa, stile “Dai, tesoro, procurami un trauma cardio-cranico!” Non ho capito se sono molto fortunata o molto agile nelle schivate…

    p.s. Il verificatore stasera è passato al polinesiano. Qui dice che se voglio postare devo scrivere “pyriviri”.

  2. …molto spesso anche per alcuni maschetti c'è una “donna boomerang”… E, quando ti succede di pensarci, l'adrenalina sale su per le gambe, passando dal ventre (facendo prima però una puntatina subdola e strategica…) ti riempie i polmoni e poi esplode! Colpendoti, scuotendoti ed frullandoti insesorabilmente quesi (pochi) neuroni che ti sono rimasti nel cervello.
    Ed è sempre così forte che vorresti prendere il telefono e chiamarla anche solo per sentire la sua voce…
    Buon weekend a tutti.
    Xam

  3. M
    Questo articolo mi piace….
    mi illudo che tu stia parlando ANCHE di me…. ma conoscendoti, cara Wum, sicuramente per me è solo un illusione… però me la godo per tutto il w e

  4. io sono un boomerang solo per le ex che ho mollato in malo modo. Sarà il senso di colpa che riaffiora nel momento in cui tiro la somma dei miei peccati, e quella macchia dalle curve mozzafiato non mi permette di accedere alla santiFICAzione.

  5. Beh, che dire? …con grande probabilità non è mai molto piacevole essere un uomo o una donna “effetto boomerang” perchè regalandoci un esito “rebound” si è consapevoli che da entrambe le parti si è perso qualcosa d'importante.
    Si è coscienti di aver abbandonato il gusto di stare insieme, di crearsi quello spazio nella nostra incasinata vita da poter dedicare uno all'altra, quel senso gradevolmente masochistico dello stare lontani ed infine si è smarrita quella adrnalinica felicità di un nuovo incontro.
    Senza contare le molte altre cose che solo chi ha provato una relazione intensa e coinvolgente(che sia stata di lunga o breve durata) può circostanziare. Insomma è sempre molto triste perchè in entrambi i casi quel qualcosa che ci siamo lasciati alle spalle, siamo certi (anche se lo chiamiamo “boomerang”), non ritornerà… Buona settimana.
    Xam

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...